SICILIA BEDDA – LA CUCINA SICILIANA A MILANO

Oltre alla cucina c’è di più.
Amo i posticini che ti fanno venire voglia di tornare, quelli in cui ti senti a casa, quelli in cui lavorano persone gentili pronte a dedicarti tempo per spiegarti ogni singolo piatto che assaggerai.
Amo la genuinità, l’amore per ciò che si fa e la tradizione di un operato autentico finalizzato ad un piacere personale oltre che altrui.
Sicilia Bedda è il mio nuovo angolo di paradiso!
Sono stata a cena da Peppe e Sabrina qualche settimana fa e insieme a loro ho scoperto le tradizioni e la cucina di una terra a me lontana: la Sicilia.
Sabrina mi ha insegnato cos’è il Pane Cunzato, rigorosamente preparato dal marito chef, e mi ha fatto fare amicizia con i cucunci che sono i frutti dei capperi; mi ha raccontato come si fanno le vere Braciole messinesi e le polpette fritte di patate e menta.
Mi ha fatto assaggiare un vino delizioso e ha messo tutta la sua cura nell’incastonare un fiore nel ghiaccio del bicchiere del Rosolio.

Tutto a Sicilia Bedda è curato nel dettaglio.

Solo materie prime selezionate riempiono i frigoriferi di questo ristorante in zona Città Studi. Per i primi piatti si usano farine di grani antichi siciliani e la disponibilità delle portate cambia continuamente perché ci si affida ai regali del mare e della terra che arrivano due volte a settimana direttamente dalla Sicilia.

Per questo motivo sul menù non troverete una lista infinita di piatti, come nella maggior parte dei ristoranti, ma solo il giorno stesso vi sarà detto cosa potrete degustare. E state certi che sarà tutto freschissimo.
Piatto forte della cena è stato sicuramente il cannolo siciliano con la nutella di pistacchi che ti porta in paradiso e ti riporta sulla terra.
Raramente ne ho mangiato uno così buono e leggero nonostante la scocca fritta perché, diciamolo, quella al forno non regala lo stesso orgasmo alle papille gustative.
Mi è piaciuto il fatto che se chiedi una Coca Cola ti rispondono che non ce l’hanno perché qui si servono solo bevande siciliane, distillati di arance rosse e una vodka speciale derivata dal frumento.
Mi è piaciuto sentire che quando la realtà è la tua ci credi davvero, ma soprattutto mi è piaciuto conoscere un ristorante differente, nel quale, oltre all’ottima cucina trovi umanità ed estrema professionalità – ingredienti rari che non si possono comprare in un supermercato qualunque.

Tagged , , ,